Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\maiolicheleogrilliit\Db\connessione.php on line 3
Maioliche Leo Grilli Gubbio pittore scultore ceramica premi



Maioliche Leo Grilli
Pittore Scultore Ceramista


Premi e Riconoscimenti



• 1° PREMIO GUBBIO “ MASTRO GIORGIO “ - Gubbio 1956

• 2° PREMIO GUBBIO “ MASTRO GIORGIO “ - Gubbio 1957

• 4° PREMIO GUBBIO " MASTRO GIORGIO " - Gubbio 1959

• ATTESTATO DI ASSIDUITA' E DILIGENZA - Aldo Ajò - Roma 1960

• 2° BIENNALE D'ARTE DEL METALLO - Gubbio 1963

• 3° ARTIGIANATO ARTISTICO IN ASSISI - Assisi 1963

• 1° PREMIO PER IL METALLO - Assisi

• DIPLOMA E MEDAGLIA D'ARGENTO dell' E.N.A.P.I.

• 3° ARTIGIANATO ARTISTICO IN ASSISI - Assisi 1964

Nel 1965 fu premiato con la medaglia d'argento dalla Locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo per i lavori esposti nella sezione Artigianale della BIENNALE D'ARTE DEL METALLO.

• MASTRO GIORGIO - Gubbio 1966

• 1° MOSTRA DELL'ARTIGIANATO EUGUBINO - Gubbio 1968

• 2° MOSTRA DELL'ARTIGIANATO EUGUBINO - Gubbio 1969

Nel 1977 alcuni giornalisti e l'allora sindaco di Gubbio, Nuti, dedicarono a Leo Grilli articoli di encomio per l'originale realizzazione della scultura " SAN FRANCESCO ED IL LUPO ". Il Bimestrale " IL MISSIONARIO FRANCESCANO " Anno LXXXI - n. 1 - 2014 scrisse che sarebbe stato interessante realizzare un monumento bronzeo di questa scultura, da collocare a Gubbio o in una piazza italiana in occasione dei settantacinque anni di proclamazione dei patroni d'Italia.

• L' associazione "AMICI DELL'UMBRIA" e la rivista di lettere e di arti "Umbria Amica"
conferiscono il Premio UMBRIA D' ARGENTO ( medaglia d'argento )
"PER ESSERSI PARTICOLARMENTE DISTINTO NEL FAR AMARE, APPREZZARE, E CONOSCERE
L'UMBRIA."
Terni 1979


• CONFERIMENTO INTERNAZIONALE
PREMIO FRANCESCO D'ASSISI 1182 - 1982
Assisi 1982

• MOSTRA PITTURE E SCULTURE - Casa di Sant'Ubaldo - Gubbio 1983

. PREMIO INTERNAZIONALE " ERCOLE D’ORO "
Trevi 1984

• STELLA A XII PUNTE - PREMIO TAGET - Bolsena 1984

• THE CENTER FOR INTERNATIONAL STUDIES
INDIANA UNIVERSITY OF PENSILVANIA
Certifies that Maestro Leo Grilli has completed a residency as distinguished visiting/artist 1984

Molti conoscono i suoi lavori, a Gubbio e fuori ed il suo estro è giunto anche in America. Nel 1984 una professoressa americana, in Visita in Italia, Sandra Kodlubowski, s'impegnò a cercare una figura poliedrica nell'ambito dell'arte da portare nella sua Università. In visita a Gubbio, ha avuto modo di conoscere ed apprezzare il lavoro di Leo Grilli, quindi lo stesso anno fu chiamato all' INDIANA UNIVERSITY DI PENSYLVANIA dove, contornato da giovani studenti e docenti ha insegnato per diversi anni. Gli allievi più meritevoli, più talentuosi, dell' Università hanno svolto uno stage di circa tre mesi presso la bottega di Leo a Gubbio. Kodlubowsky (anche lei ceramista)dice che è meraviglioso avere un artista così importante che lavora con loro ed è suo ospite e non riesce a credere alla buona fortuna.

IUP – Indiana University of Pennsylvania 15111984
Per Leo Grilli
Vasaio – Pittore

Leo viene dall'argilla.
La Pittura con un tornio sembra essere espressione basiliare.
Il blu che appare qui lega insieme tutti i lavori con mistica relazione.
C'è diffusa calma.
La pace è in alcuni dei più vivaci lavori.
Soltanto alcuni diventano interamente attivi.
I rapporti dei suoi colori sono molto gradevoli, sono primordiali e armoniosi.
La linea è rigorosa ma l'impressione globale è piena di grazia come i suoi vasi.
Le superfici e i volumi sono a volte dinamici.
Nella ricerca di pezzi favoriti, si è in difficoltà.
Non c'è quasi dove fermarsi.
La mia prima scelta è la campana e la luna, quindi il diagonale pavimento arancione con tre volumi verdi, quindi la purpurea luna con la forma blue e bianca che porta una ceramica come immagine. Molto potenti sono le braccia bianche che lacerano un demone, ai piedi della croce, e la processione che porta il Corpo di Cristo.
La Linea della sua ceramica diventa più vigorosa nella scultura in cui la forma è talvolta penetrata, ma rimane la quiete.
Le foto in mostra delle sue opere sono quasi della misura di questo foglio. Impressionano con una certa dimensione di concetto.
Monumento è la parola.
Orval Kipp, Ph. D. Emerito Professore e Presidente Della IUP ART DEPARTTMENT Nel 1985


• Nel 1985 gli è stato conferito il Premio Internazionale " SAN VALENTINO D'ORO ", di lettere, Arti, Scienze, Musica, Sport, Spettacoli.

• La C.C.I.A.A., di Perugia, nel 1990, gli conferì il Diploma del Premio al Lavoro e del progresso economico, con MEDAGLIA D'ORO per la sua instancabile attività.

• Camera di Commercio , Industria, Artigianato e Agricoltura - Perugia
DIPLOMA Del PREMIO DELLA FEDELTA’ AL LAVORO E DEL PROGRESSO ECONOMICO
Rilasciato a LEO GRILLI
Perugia 1990

• I COLORI DELL’UMBRIA - Terni 1991

• CONFERIMENTO INTERNAZIONALE PREMIO “ GENS ANTIQUISSIMA ITALIAE “
DIPLOMA D’ONORE PER LA SUA ATTIVITA’ CULTURALE
Perugia 1991

• Partecipazione al Programma televisivo “ Scommettiamo Che ? “
CREAZIONE DI UN VASO SU UNA RUOTA DI UNA FIAT 500 in MOVIMENTO !!!
1995 - RAI
Video della partecipazione

• CONCORSO INTERNAZIONALE DELLA CERAMICA D’ARTE DI GUALDO TADINO ( Perugia )
10.08 - 02.10.1994

Nel 1994 partecipò con una sua Opera al XXXIV Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte di Gualdo Tadino (Perugia) 13.08 – 02.10.1994 Sul tema “ La Solidarietà “. L' opera era in maiolica. Le fasi sono Tornitura, incisione, traforatura e rilievo, a 940°C. Diametro di 60 cm . Il consenso ottenuto in quell'occasione e non solo, fece crescere negli anni al Maestro Leo Grilli il desiderio di realizzare quest'opera/ bozzetto, in un'opera di notevoli dimensioni in bronzo, avendo così la possibilità di dare un significato ben più ampio e complesso.



Ebbe un incontro con Pasquale Colaiacovo, dove gli presentò il suo progetto. La sensibilità avuta dal Dottore Pasquale Colaiacovo per il progetto presentatogli, ha permesso che l'opera potesse venire alla luce nell'anno 2007. Installazione della Prima OPERA in Bronzo a Solfagnano, Perugia.

• Nel 1999 RIPRESE nel LABORATORIO del MAESTRO LEO GRILLI, PER IL DOCUMENTARIO SMART TRAVELS EUROPE with RUDY MAXA Seen NATIONALLY of AMERICAN PUBLIC TELEVISION.
Video del documentario

• Nel febbraio del 2005 in occasione del Carnevale italiano di Adelaide, in Australia, l'Umbria fu ospite d'onore e Leo Grilli fu chiamato a rappresentare la ceramica umbra ed italiana. In quest'occasione fu invitato da due facoltà universitarie, una di ceramica e un'altra di ceramica e vetro, per impartire lezioni sulle tecniche della ceramica della maiolica e del bucchero, sulla lavorazione artistica dell'argilla, sulla ricerca e studio degli smalti. Grande l'interesse di giovani studenti e hobbisti.


• Nel 1990 realizzò in ceramica con vera maestria, l'opera IL SOLE, raffigurante una testa di Leone con raggera. Nel 1998 per iniziativa di Marcella Minelli l'opera è stata inserita a Gubbio in Piazza Remosetti (della Ripa). Elisa Pietrelli scrisse nella Guida - OTTO RARITA' - : " Sono stati realizzati 35 kg di bronzo, misura 65X65 cm. L'opera raffigura un leone con criniera a forma di raggera solare : un SOLE con la forza e la potenza di un LEONE, un felino che non è aggressivo e dalla cui bocca sgorga l'acqua. Il tema del LEONE torna più volte nei lavori dell'artista."




• ROTARY CLUB DI GUBBIO
PROCLAMA ARTIGIANO, DELL’ANNO PER IL 2004 LEO GRILLI " Eugubino Poliedrico e geniale, dalle suggestive intuizioni e dai profondi momenti espressivi che
imprimono alla materia il sigillo dell’arte"
Gubbio 2004


• Nel 2000 primo modello/bozzetto in argilla dell'opera raffigurante Sant'Ubaldo. Nel 2003 l'opera e stata realizzata in bronzo. Altezza 2m 68cm, con un peso di 16q. INAUGURAZIONE e INSTALLAZIONE della SCULTURA IN BRONZO, nel parcheggio del complesso della Chiesa di San Domenico Gubbio, l'undici settembre 2006.





• Mostra Personale
Leo Grilli
Memorie e Fantasie
23 maggio – 15 giugno
Presentazione Poetica Francesco Gallo Mazzeo

Si chiamano a vicenda, si segnano, si scartano,
si agitano ai tocchi della mano rispondono come
tasti di un piano, trovando una forma, un colore,
pronti a raccontare una storia, semplice e fantastica
allo stesso momento, in questo somigliando all'autore,
Leo Grilli, che con il suo sguardo detta il segno
e poi lo traduce in vita, in vita della materia.
Prima grezza, ruvida, anonima e poi, via via, sempre
di più forma, concretezza di una individualità
armonica, fondata sui dettami della tradizione,
mai abbandonata e mai calligrafica, sempre in
ritmo con la sua fantasia del presente, con la forza,
la sapienza di una manifatturalità che
non perde un colpo, procedendo di anno in anno,
di opera in opera verso una grande enciclopedia
del visibile, dove le tecniche si incontrano tutte
e si rafforzano a vicenda, nel segno, nel disegno,
nella pittura, nella terracotta, nella ceramica, nel
bronzo. Una totalità, la sua, giocata senza mai,
ambiguità, con limpidezza poetica, con la certezza
di una tecnica che fa degli ostacoli i propri punti
di forza, senza mai andare per scorciatoie, ma
aprendo sempre nuovi capitoli, d'epopea, di forza,
di dedizione ad un lavoro che è diventato una missione,
un diario in pubblico della sua forza espressiva, fatta
di esperienza, ma anche di spiritualità
ribelle che vuole innovare, vuole sperimentare, perché non
si assegna mai ad un ruolo definito, non si rassegna
alla sua storia declinabile al passato, alle tante cose
già fatte, ma tendenti al futuro, alle cose da fare,
alle invenzioni a cui dare corso. Tentare una narrazione
delle sue tentazioni artistiche vuol dire riferirsi alla
sua natura fertile di creativo, di pensatore e di
realizzatore in contemporanea, nella sua bottega
eugubina, in cui si avvertono gli echi delle idee,
delle trovate, delle ricerche, in cui la sua santità
sconfina con la sua sensibilità, passando da tonalità
fredde, contemplative, a tonalità calde, attraenti.
La sua è una vera escursione, un salire e scendere
Vista, ma anche a quello del tatto, nella sua forza
di valori plastici, che aggiungono alla pura visibilità
una tattilità che porta ad una intensificazione di
vita. Ne discende una propria teoria e pratica del
Convito, dello stare insieme, che è una pratica di
oggettualità e di pittoricità, capace di vivere bene nella
piccola dimensione dell'ambiente interno, della
casa, dell'ambiente di tutti noi, ma anche capace
di sfidare, vincendo le grandi parietalità, la misura
architettonica, perché questa è la sua misura nella
piccola e nella grande sorte, nella traduzione alchemica
dei materiali poveri che diventano ricchi, che diventano arte.
Francesco Gallo Mazzeo


Una domenica come tante, ( Domenica 13/5/2018 ) entrò nella nostra bottega in Via dei Consoli n. 78 un ' anima speciale, che venne da me definita un raggio di sole...
Alla fine della nostra veloce conoscenza ci lasciò un semplicissimo foglio di carta, che divenne particolarmente prezioso quando io e mio padre , iniziammo a leggere ciò che c' era scritto.

" Leo "

Grilli, di Grilli dinastico
Fantasia d'ingegno nascosto
e di italico marchio.
Nobile sei nel gesto decoro
Umbro nel cuore modelli con forza
colori e materia si mischiano d'incanto.
Miro commossa crociati e cavalli
ed entro in un viaggio che parla di te.
Lupus in fabula cuore e talento
Preghiera divina nell'umil bottega
che racconta i tuoi sforzi
Di una vita per l'Arte
Di una Gubbio nascosta
Di una mano virtuosa.

Irene Giannello

GRAZIE IRENE PER LA TUA RARA SENSIBILITA'




Negozio: Largo del Bargello, 1

Galleria d'arte: Via dei Consoli, 78

Laboratorio: Via della Zecca, 21

06024 Gubbio - Perugia - Italy


Tel +39 75 9222272

Labor. 075 9275120

Il seguente form permette di chiedere informazioni all'azienda lasciando i propri recapiti in maniera Siamo a vostra completa disposizione per soddisfare ogni richiesta di informazione, chiarimenti, consulenza. Potete contattarci compilando il seguente form (sarete ricontattati il prima possibile), oppure ai recapiti soprastanti.

Autorizzazione al trattamento dei dati personali in base alla legge 196/03